Tag: Calatafimi Segesta

Guida di Calatafimi Segesta: Info, notizie ed eventi

Guida di Calatafimi Segesta

Origini

Calatafimi – Segesta è la cittadina in provincia di Trapani situata fra le colline dell’agro segestano, che prende il nome dall’antico Castello Qal’at Fîmî, nome arabo di Eufemio, l’emiro che presidiava il maniero, intorno al quale nel IX secolo si è sviluppato il paese. Una fortezza di cui oggi ci sono solo pochi resti, ma che un tempo era un punto strategico per osservare l’arrivo dei nemici dal mare. L’antica città di Segesta sorge a pochi chilometri dal centro cittadino, sul monte Barbaro, dove si può ammirare la grandezza del tempio dorico e la bellezza scenica del teatro romano. Di grande importanza storica la guerra che Segesta ha intrettnuto nel corso dei secoli con Selinunte, per battere la quale ha richiesto l’aiuto di varie popolazioni del Mediterraneo, che l’hanno influenzata nella storia e nella cultura. In epoca moderna, la città di Calatafimi è stata un punto di riferimento per le battaglie di Garibaldi per l’unità di Italia. È oggi meta di turisti provenienti da tutto il mondo.

Cosa vedere

Quando si arriva a Calatafimi Segesta uno dei luoghi da visitare è sicuramente il Parco Archeologico, dove si possono ammirare i segni di un’antica e potente civiltà. Di grande importanza il Teatro Romano, probabilmente costruito torno al II a.C., scavato nella collina dove si può ammirare da un lato il monte Inici e dall’altro, in lontananza, si scorgono le acque di Castellammare del Golfo, un’opera che poteva contenere circa 4 mila spettatori. Scendendo dal Monte Barbaro si trova il Tempio dorico, risalente al V a. C, perfettamenete mantenuto con le sue possenti colonne. Ritornando verso la città si possono visitare la Chiesa del SS. Crocifisso realizzata nella metà del 1700, una fiore all’occhiello dell’architettura neoclassica, e la chiesa Madrice, in stile rinascimentale, dedicata a San Silvestro Papa. Un’importante tappa da vedere a Calatafimi Segesta è il Monumento Ossario di Pianto Romano, ideato e progettato dall’architetto Ernesto Basile, dove sono custodite le reliquie dei caduti della battaglia del 15 maggio 1860, tra i Mille gidati da Giuseppe Garibaldi che affrontarono vittoriosamente l’esercito Borbonico, uno scontro fondamentale per l’Unità d’Italia.

Cosa fare

Ogni 5 o 7 anni si svolge nella città di Calatafimi Segesta uno degli eventi più popolari antichi d’Italia: la Festa del SS. Crocifisso. La popolazione sfila per i vicoli della città in processione con costumi che ricordano le origini contadine e le vengono riproposte e tramandate le antiche usanze medievali. Ogni estate, invece, è molto ricco il calendario che porta a riempire il Teatro Romano con rappresentazioni dove si incontrano mito e storia. Chi vuole, invece, trascorrere e scoprire le bellezze della natura di questa città può recarsi a pochi chilometri dal centro dove ci sono le Terme Segestane, acque calde e rigeneranti,o può fare una passeggiata alla ‘Cappelluccia Boscareccia‘, dove si possono trovare i ruderi della settecentesca Chiesa del SS. Crocifisso.

Sito archeologico Segesta

La Sicilia nord-occidentale ospita un importante sito archeologico basato sui resti dell’antica città di Segesta. Fondata da alcuni profughi troiani conosciuti come Elimi, si suppone che la città risalga al IV secolo a.c., in quanto a …
Booking engine per prenotare hotel wubook