Pasqua a Trapani: cosa vedere, dove andare e cosa fare?

Pasqua-a-Trapani

Alcune città italiane godono di un’attenzione particolare, centri abitati che hanno saputo modificarsi, evolversi e assorbire varie culture nel corso dei secoli. Trapani è una città siciliana che racchiude tutti questi fattori, e ha saputo amalgamarli plasmando un’identità unica, preservando alcune attrazioni coinvolgenti che ancora oggi continuano ad attirare ed affascinare. Il luogo perfetto dove trascorrere le vacanze di Pasqua. Vediamo più da vicino il perchè.

Riserva naturale Saline di Trapani

Riserva-naturale-Saline-di-Trapani

La Riserva Naturale delle Saline è un sito di interesse turistico che vanta il riconoscimento WWF da dieci anni, ma le sue origini affondano in profondità, collocandosi in un periodo antecedente persino al 1200.

Visitandola è possibile osservare da vicino non solo le ricchezze faunistiche e floristiche, ma soprattutto i mulini a vento e le saline, tuttora in attività, per apprendere metodi di produzione, curiosità, e vedere questo paesaggio mozzafiato offerto da piccole montagne di sale purissimo che gioca con i raggi del sole offrendo in vari momenti del giorno panorami indimenticabili.

La Processione dei MisteriLa-Processione-dei-Misteri

Trapani vanta una delle tradizioni religiose più antiche di tutto il suolo italico, una processione che per la sua bellezza attira religiosi e non da tutto il mondo, per la bellezza artistica e la solennità di questo momento unico. La Processione dei Misteri si tiene ogni anno durante tutto l’arco del venerdì Santo, a partire dalle 14, quando 20 gruppi scultorei escono della celebre Chiesa del Purgatorio e vengono portati a spalla lungo le vie di tutta la città, accompagnate dalle note funebri suonate da bande musicali.

Un momento simbolico ed emozionante per rievocare le fasi salienti della Passione di Cristo. Questa tradizionale processione di origine spagnola, anche se nata nel XV secolo continua a mantenere inalterate le sue caratteristiche principali, dalla lunghezza della processione stessa- ben ventiquattr’ore- alla sua organizzazione. Finito il percorso prestabilito infatti, la cerimonia si chiude la mattina seguente con l’ingresso del gruppo scultoreo all’interno della Chiesa del Purgatorio, dove i Sacri Gruppi restano successivamente custoditi fino all’anno successivo. Un compito che viene gestito con passione e impegno dall’Unione Maestranze, la corporazione che cura lo svolgimento e il mantenimento di questa tradizione da prima degli anni ’80.

MoziaMozia

Mozia è una piccola isola poco distante da Trapani, méta apprezzata per le sue antichissime origini- risale al tempo dei fenici- che ancora oggi destano stupore camminando tra i siti archeologici, oppure osservando i suoi musei.

Tra le rovine e i reperti liberamente accessibili, Mozia rivela una piccola traccia di identità storico-culturale che sa appassionare e rievocare immagini di civiltà ormai perdute, conquistando turisti provenienti da tutto il mondo.

Il borgo medievale di EriceIl-borgo-medievale-di-Erice

Anche il fascino di Erice si deve alla sua storia più ultra millenaria, un piccolo comune che tuttavia presenta numerose testimonianze storiche come il Castello di Venere e il suo Duomo, veri e propri musei ben custoditi e aperti al pubblico, autentici patrimoni artistici da riscoprire. E da non perdere la sua funivia, specie al tramonto, per gustarsi una vista panoramica che rimane scolpita nella memoria, e che verrà la tentazione di ripercorrere più e più volte.

Ti abbiamo convinto ? Clicca qui per vedere prezzi e disponibilità di un appartamento!

  • Trapani è una delle mie città preferite, tutta da esplorare e da visitare. Personalmente l’ho visitata tutta, dal Borgo Medievale alle Saline, tutto molto caratteristico. La prossima volta andrò a Mozia!

    • Renda Appartamenti

      Grazie del commento. Confermiamo tutto quello da lei scritto 🙂 Complimenti per il suo hotel, Buon lavoro!

Booking engine per prenotare hotel wubook